Inasprimento delle misure restrittive nei confronti della Russia

Stop ai vettori aerei russi nel territorio UE

Ieri 28 febbraio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il regolamento UE 2022/334 del Consiglio che modifica il regolamento UE 833/2014 concernente misure restrittive in considerazione delle azioni della Russia che destabilizzano la situazione in Ucraina. Con l’entrata in vigore del provvedimento, viene proibito di operare verso, da e all’interno del territorio dell’Unione Europea ai vettori russi (ovvero qualsiasi impresa di trasporto aereo titolare di una licenza di esercizio valida o documento equivalente rilasciati dalle competenti autorità della Federazione russa).

Nello specifico il regolamento, all’articolo 3 quinquies comma 1, stabilisce che “…è vietato a qualsiasi aeromobile operato da vettori russi, anche in funzione di vettore commerciale che opera in base ad accordi di code-sharing o di blocked-space, a qualsiasi aeromobile immatricolato in Russia ovvero a qualsiasi aeromobile non immatricolato in Russia ma posseduto, noleggiato o altrimenti controllato da persona fisica o giuridica, entità o organismo russi, atterrare nel territorio dell’Unione, decollare dal territorio dell’Unione o sorvolare il territorio dell’Unione”. In deroga al comma 1, sono fatti salvi i casi di emergenza o i voli effettuati per scopi umanitari.