Sotto controllo il trasporto merci su strada verso il Regno Unito

 

L’Accordo Commerciale ha scongiurato i rischi di una hard Brexit

 

Il 1° gennaio 2021 il Regno Unito ha lasciato il Mercato unico europeo con un Accordo Commerciale raggiunto da von der Leyen e Johnson il 24 dicembre. La Brexit economica è dunque realtà da quasi due settimane.

Qual è la situazione delle spedizioni su strada che raggiungono il Regno Unito attraverso i principali corridoi europei?

La situazione al momento è sotto controllo: i flussi di merce in ingresso in Uk restano scorrevoli grazie anche alla stipula dell’Accordo tra Unione Europea e Regno Unito che ha evitato una hard Brexit.

Sono disponibili strumenti online per l’osservazione dell’andamento delle spedizioni e operazioni tra Europa e Regno Unito.

Tim Consult, facente parte della società Transporeon, ha attivato uno strumento di monitoraggio settimanale “Weekly Brexit Market Monitor” che misura l’andamento delle spedizioni verso il Regno Unito attraverso tre indicatori: “spot rates”, “transport demand” e “rejection rate” dei carichi in entrata in Gran Bretagna da Germania, Francia, Italia e Polonia.

Sulla pagina dedicata Transporeon Insight è caricato il report settimanale degli indici accompagnato da un sintetico commento esplicativo.

A questo link puoi visualizzare direttamente il report “Weekly Brexit Market Monitor” attualmente online che si riferisce alla 1° settimana del 2021. Qui, invece, è scaricabile il report dell’ultima settimana del 2020 non più online su Transporeon Insight.

Sulla pagina di Transporeon Insight oltre al “Weekly Brexit Market Monitor” trovi anche il link per consultare su sixfold.com l’aggiornamento in tempo reale dei tempi di attesa per l’attraversamento delle principali frontiere europee e presso i più importanti hub logistici portuali d’Europa