Russia: autorizzazione per persone fisiche

Regolamento (UE) n. 833/2014: sarà necessaria un’apposita autorizzazione per continuare a prestare i servizi elencati nell’art. 5 quindecies 

 

A partire dal 20 giugno 2024, sarà necessaria un’apposita autorizzazione dell’Autorità nazionale – UAMA per continuare a prestare i servizi elencati all’interno dell’art. 5 quindecies del Regolamento (UE) n. 833/2014 (c.d. Regolamento Russia) in favore di persone giuridiche, entità o organismi stabiliti in Russia che sono di proprietà o sotto il controllo (esclusivo o congiunto) di una persona giuridica, di un’entità o di un organismo registrati o costituiti a norma del diritto di uno Stato membro o di uno dei Paesi partner dell’Unione definiti dal Regolamento (cc.dd “Entità Russe Eleggibili”).


Nello specifico, sarà necessario ottenere l’autorizzazione di UAMA per la prestazione delle seguenti categorie di servizi (congiuntamente definiti “Servizi Ristretti”):

  1. servizi contabili, di auditing, compresa la revisione legale dei conti, o di consulenza in materia fiscale ovvero servizi di consulenza amministrativo-gestionale o di pubbliche relazioni;
  2. servizi di architettura e ingegneria e servizi di consulenza giuridica e informatica;
  3. servizi di ricerca di mercato e sondaggi di opinione, servizi tecnici di prova e analisi e servizi pubblicitari;
  4. software gestionale per le imprese e software di progettazione e fabbricazione industriali, come elencati nell’allegato XXXIX al Regolamento (UE) n. 833/2014;
  5. assistenza tecnica, servizi di intermediazione o altri servizi connessi ai beni e servizi di cui ai punti sopra elencati.

L’eventuale prestazione di finanziamenti o assistenza finanziaria connessi ai Servizi Ristretti (c.d. Finanziamenti Ristretti, si veda art. 5 quindecies, paragrafo 3, lettera b), Regolamento Russia), invece, dovrà essere autorizzata attraverso l’ottenimento di un apposito provvedimento da parte del Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF) del Ministero dell’Economia.

In particolare, devono richiedere a UAMA il rilascio di un’autorizzazione ex art. 5 quindecies, par. 10, lett. h), tra gli altri:

  • i soggetti titolari di una ditta individuale che prestano uno o più Servizi Ristretti in favore di un’Entità Russa Eleggibile;
  • individui italiani dipendenti di un’Entità Russa Eleggibile;
  • individui italiani che sono amministratori di un’Entità Russa Eleggibile;
  • individui italiani dipendenti di una società non italiana (anche se facente parte di un gruppo italiano, con a capo una società madre che ha già ottenuto un’autorizzazione) che prestano Servizi Ristretti in favore di un’Entità Russa Eleggibile;
  • altri individui che collaborano con un’Entità Russa Eleggibile e che prestano in favore di quest’ultima uno o più Servizi Ristretti.

Al contrario, l’attività di dipendenti di una società italiana già titolare di una licenza ex art. 5 quindecies, par. 10, lett. h), risulta coperta da tale ultima autorizzazione.
Ciò posto riepiloghiamo di seguito i principali passaggi da seguire per la richiesta a UAMA dell’autorizzazione a prestare i Servizi Ristretti.

Procedura di richiesta di autorizzazione: iscrizione al portale E-Licensing e documentazione rilevante

La richiesta di autorizzazione dovrà essere presentata a UAMA mediante il portale E-licensing. A tal riguardo, sarà preliminarmente necessario registrarsi individualmente al portale, attraverso un proprio account EU Login/ECAS personale. Al fine della registrazione, inoltre, sarà altresì necessario indicare all’interno del formulario di iscrizione un proprio codice EORI, che potrà essere richiesto – anche a mezzo PEC – a qualsiasi ufficio doganale italiano. 

Una volta iscritti al portale, sarà possibile compilare e inviare la richiesta di autorizzazione. In particolare, la domanda dovrà essere corredata dalla seguente documentazione:

  1. Visura camerale (tradotta in italiano) dell’Entità Russa Eleggibile;
  2. End User Statement (EUS) sottoscritto dall’Entità Russa Eleggibile;
  3. l’atto giuridico che è alla base del rapporto tra l’istante e l’Entità Russa Eleggibile. Tale documento deve dare evidenza delle attività prestate in favore dell’Entità Russa Eleggibile e il relativo controvalore;
  4. Una lettera di accompagnamento firmata dall’istante che delinei la natura dei Servizi Ristretti forniti in favore dell’Entità Russa Eleggibile e che confermi la sussistenza delle condizioni per l’ottenimento della deroga invocata ai sensi del Regolamento Russia nonché la compatibilità dell’operazione anche con il Regolamento (UE) n. 269/2014.

I casi particolari

Segnaliamo, infine, che il 22 maggio 2024 UAMA ha pubblicato un aggiornamento del “Comunicato tecnico per la presentazione di istanze in deroga ex art. 5 quindecies c. 10 lett. h del Reg. (UE) n. 833/2014” all’interno del quale ha fornito delucidazioni sulla corretta gestione di alcuni casi particolari e le relative procedure di autorizzazione da seguire.