Il Regno Unito apre una consultazione sul mantenimento del CBER

L’Authority per la concorrenza UK propone, comunque, di mantenere uno strumento legislativo analogo a quello europeo

L’Authority per la concorrenza UK propone, comunque, di mantenere uno strumento legislativo analogo a quello europeo

L’Autorità britannica per la concorrenza e i mercati (CMA) ha aperto lo scorso 19 gennaio una consultazione pubblica (aperta fino al 23 febbraio) con lo scopo di raccogliere pareri sull’opportunità che il governo britannico mantenga un regime di esenzione per categoria dalle regole antitrust per il settore del trasporto marittimo di linea.

La decisione di apertura della consultazione si fonda sulla prossima scadenza del CBER (Consortia Block Exemption Regulation) – che il Regno Unito applica ancora quale eredità della legislazione europea – il 24 aprile 2024.

La CMA ha già elaborato, tuttavia, una proposta di raccomandazione al Segretario di Stato per le imprese, l’energia e la strategia industriale in cui si suggerisce di sostituire il CBER con il cosiddetto CBEO – Liner Shipping Consortia Block Exemption Order, uno nuovo strumento legislativo britannico che manterrebbe invariato nella sostanza il sistema di esenzione attualmente vigente.

La nostra federazione europea, CLECAT, ha avuto già avuto modo di condividere con la CMA in fase di pre-consultazione la preoccupazione delle rappresentanze logistiche europee con riferimento al mantenimento di un regime analogo al CBER in Regno Unito. Si attendono, dunque, gli esiti della consultazione e i prossimi passi dell’authority britannica.

Pe leggere gli aggiornamenti sull’attività di CLECAT e Fedespedi su questo dossier clicca qui.