Il Presidente di Fedespedi, Silvia Moretto, all’International Transport Forum Summit 2021

Imprese di spedizioni internazionali fondamentali per riorganizzare una supply chain più efficiente, più digitale, più sostenibile, più resiliente”

 

Il Presidente di Fedespedi (Federazione Nazionale delle Imprese di Spedizioni Internazionali), Silvia Moretto, ha partecipato oggi, in qualità di speaker, all’International Transport Forum Summit 2021, uno dei più importanti eventi dedicati ai trasporti e alla logistica a livello globale, che raduna ogni anno i Ministri dei Trasporti dei 62 Paesi membri dell’International Transport Forum (organizzazione non governativa dell’OECD e think tank sulle politiche dedicate ai trasporti), insieme ad accademici, professionisti ed esperti del settore.

Il Presidente di Fedespedi è intervenuta nella sessione “Towards more resilient and innovative freight transport” insieme a John Denton (Segretario Generale dell’ICC), Clemens Först (Rail Cargo Group), Anne-Marie Idrac (Alto Rappresentante per lo sviluppo di veicoli autonimi, Francia) e Azhar Jaimurzina (Capo della Sezione Logistica, Trasporti e connettività della United Nations Economic and Social Commission for Asia and the Pacific – UNESCAP).

Nel new normal post pandemia, l’esperienza e la competenza delle imprese di spedizioni internazionali saranno fondamentali per riorganizzare una supply chain più efficiente, più digitale, più sostenibile, più resiliente. Gli spedizionieri saranno sempre di più consulenti chiave e partner strategici delle imprese che importano ed esportano” – ha dichiarato il Presidente Moretto durante il suo intervento – “Proprio per questo siamo pronti a guidare il cambiamento, investendo idee e risorse per la digitalizzazione della logistica, attraverso a dematerializzazione dei documenti, la standardizzazione di dati e processi, l’automazione e l’ottimizzazione dei flussi. Senza dimenticare l’investimento su formazione e nuovi talenti”.

Altro punto fondamentale” ha aggiunto il Presidente “è quello della sostenibilità: oltre a dotarsi di magazzini ed headquarter a impatto zero, gli spedizionieri, in quanto manager della supply chain, hanno l’opportunità di offrire alle imprese clienti nuove soluzioni volte a mitigare l’impatto ambientale del trasporto delle merci, dimostrando ancora una volta il valore aggiunto che sono in grado di offrire in termini di consulenza e know how”.

“Il cambiamento è una questione di scelte” ha concluso Moretto “La pandemia ci ha insegnato quanto il modo sia interconnesso e le azioni di tutti abbiano un riflesso immediato sulla vita delle altre persone. Usiamo questa occasione – Governi, imprese, cittadini – per attuare una piena trasformazione ecologica e digitale anche nel settore dei trasporti e della logistica, che proprio nel 2020 ha dimostrato tutta la sua centralità per l’equilibrio economico e sociale delle nostre comunità”.

L’ITF Summit 2021 – che prevede un fitto programma di incontri fino al 28 maggio – è dedicato al tema dell’innovazione tecnologica e di come questa possa favorire lo sviluppo della mobilità sostenibile per merci e persone, anche alla luce dei nuovi trend innescati dalla pandemia di Covid-19.

#ITF21 è l’hashtag ufficiale della manifestazione sui social.