Il Presidente di Anama Albertini a #SMI2022, le sfide e le opportunità per il cargo aereo

“Il mio invito: continuiamo ad innovare”

 

Alessandro Albertini, Presidente di ANAMA (sezione area di Fedespedi), è intervenuto oggi, 11 marzo, come relatore di Shipping, Forwarding & Logistics Meet Industry 2022, l’evento annuale che riunisce industria produttiva e logistica per presentare sfide e opportunità del cargo aereo.

Quando parliamo di cargo aereo, non possiamo prescindere da una considerazione sull’andamento del mercato in questi ultime due anni: contrazione dei volumi, riduzione della capacità, aumento dei costi, congestionamenti ma anche opportunità di dimostrare ancora una volta quanto la modalità aerea può dare in termini di efficienza, tempistiche, condizioni adeguate a particolari commodities. Pensiamo innanzitutto al pharma e al ruolo che le catene di approvigionamento via area hanno giocato in piena emergenza pandemica e nell’”operazioni vaccini”.

La fase dell’emergenza ha stimolato riflessioni sulle innovazioni necessarie nel settore: dal potenziamento degli strumenti di innovazione digitale – che il cargo aereo già possiede rispetto ad altre modalità –  al peso che il cargo aereo deve giocare nelle pianificazioni di competitività degli hub aeroportuali. L’invito che faccio a me come imprenditore e alla categoria – che al fianco di Fedespedi e Confetra ho l’onere di rappresentare come Presidente di Anama – è quello di continuare ad innovare, di cercare soluzioni di rottura, di porci come attori che guidano i cambiamenti e non li inseguono solo quando richiesti da clienti o filiere con cui siamo interconnessi. Le imprese di spedizioni, e in particolare penso ai freight forwarders che si occupano di cargo aereo, hanno professionalità ed esperienza da giocare a tutto vantaggio della competitività dell’industria logistica”.