PER QUALI TIPI DI MERCI LA MODALITÀ AEREA È COMPETITIVA OGGI? E IN FUTURO?

COME ACCRESCERE L’APPEAL DEGLI AEROPORTI ITALIANI PER LE CATEGORIE DI MERCE A PIÙ ALTO POTENZIALE?

 

Nel 2018, ANAMA (Associazione Nazionale Agenti Merci Aeree, affiliata a Fedespedi) e il Cluster Cargo Aereo (oltre ad Anama, Assaereo, Assohandler e IBAR) hanno avviato il progetto “Osservatorio Cargo Aereo”, con l’obiettivo di offrire a operatori economici, amministrazioni pubbliche e gestori delle infrastrutture uno strumento valido di analisi del mercato del cargo aereo e di divulgare la conoscenza e la rilevanza del settore del cargo aereo in Italia. Un settore strategico per l’economia del nostro Paese e per il Made in Italy: basti pensare che il traffico cargo sugli aeroporti italiani ha superato 1 milioni di tonnellate (nel 2018) e rappresenta il 25,8% del valore delle esportazioni italiane extra UE.

Dopo il successo del I Studio dell’Osservatorio pubblicato in primavera, che ha messo a confronto gli hub italiani – Milano Malpensa e Roma Fiumicino – con i principali competitor a livello europeo, il Cluster ha deciso di proseguire la positiva esperienza dell’Osservatorio, e ha lanciato oggi il bando di selezione pubblica per la realizzazione del “II Studio Osservatorio Cargo Aereo”.

L’obiettivo di questo II Studio (che verrà pubblicato in italiano e inglese) sarà quello di capire quando e perché la modalità aerea è competitiva e per quali tipologie di merci, facendo un confronto con il recente passato (le tendenze di 5 o 10 anni fa) e con quanto succede nei principali aeroporti competitor di Germania, Francia e Olanda. Si proverà poi a individuare quali sono le categorie di merce a più alto potenziale di crescita per il trasporto aereo, svolgendo un’indagine su un campione selezionato di imprese clienti, per capire quali sono le principali motivazioni che le spingono a scegliere o meno la via aerea per certe tipologie di merci. Inoltre, si analizzerà l’impatto del trasporto ferroviario tra Cina ed Europa, anche in termini di erosione di quote di traffico oggi del cargo aereo. Si svilupperà, infine, un’indagine per comprendere perché importanti filiere come l’elettronica e l’ortofrutta non scelgono gli aeroporti italiani, cercando di sviluppare, insieme al Cluster delle proposte per migliorare la competitività degli scali italiani per queste categorie di merci.

Le società interessate a partecipare al bando dovranno far pervenire la propria manifestazione di interesse entro il 15/09/2019 all’indirizzo di posta elettronica . Il 25/09/2019 si terrà un’audizione aperta a tutte le società che avranno manifestato il proprio interesse a partecipare, al fine di rispondere a eventuali richieste di approfondimenti. La data fissata per la consegna dello studio nella sua forma definitiva è il 28/02/2020.

Ricordiamo che la prima edizione dello studio Il trasporto aereo merci in Italia: efficacia ed efficienza rispetto ai principali competitor europei è stata realizzata da Ernst & Young (aggiudicataria del bando 2018) ed è stata presentata con successo a Milano nel maggio scorso, durante l’evento pubblico Osservatorio Cargo Aereo: diamo i numeri!, davanti a una platea di oltre 250 stakeholder del settore cargo aereo, tra i quali Enac e Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (in qualità di relatori).


FileAzione
190903_ANAMA_CS_Bando 2° Osservatorio Cargo Aereo.pdfScarica 
190903_CLUSTER CARGO AEREO_BANDO_II Studio Osservatorio.pdfScarica 
  • Versione
  • 303.06 KB Dimensioni file
  • 2 Conteggio file
  • 09/03/2019 Data di Pubblicazione

Scarica i singoli file

FileAzione
190903_ANAMA_CS_Bando 2° Osservatorio Cargo Aereo.pdfScarica 
190903_CLUSTER CARGO AEREO_BANDO_II Studio Osservatorio.pdfScarica