Coronavirus: aggiornamento sulla circolazione delle merci 

 

Le misure adottate dai Paesi per regolamentare l’attraversamento delle frontiere, i provvedimenti del MIT e dell’UE

 


Associazioni della logistica e del trasporto merci

16.03.2020   Lettera di Clecat alla Comissione Europea
13.03.2020 

Fedespedi comunicato stampa: La logistica ha bisogno di risposte immediate che diano condizioni certe ai lavoratori, alle imprese e al mercato

10.03.2020 Lettera del Presidente di Confetra Nicolini al Presidente del Consiglio

 


Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

A livello internazionale il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, nell’ambito di un’azione coordinata con gli altri Ministeri ha avviato un’intensa attività di relazione con i Ministri dei Trasporti degli Stati Membri della UE per assicurare l’apertura delle frontiere e garantire la circolazione di mezzi per il trasporto merci soprattutto verso i mercati dell’Europa centro-orientale.

07.04.2020 Decreto per la sospensione dei divieti di circolazione nei giorni festivi – 10-14 aprile
07.04.2020 Proroga decreti emergenziali MIT al 13.04.2020 e allegati
30.03.2020 Nuovo modello di dichiarazione valida per i conducenti di imprese con sede legale non in Italia e istruzioni per la compilazione in inglese
27.03.2020 Nuovo modello di auto-dichiarazione
27.03.2020 Decreto per la sospensione dei divieti di circolazione nei giorni festivi – 29/3 e 05/04
25.03.2020 Dichiarazione decreto 120/20 valida per i conducenti di imprese con sede legale non in Italia
24.03.2020 MIT – Elenco delle formalità che beneficiano delle proroghe di scadenza
20.03.2020 Protocollo per i trasporti e la logistica – Linee guida ministeriali
11.03.2020

Proroga della validità della carta di qualificazione del conducente e dei certificati di formazione professionale per il trasporto delle merci pericolose e quella del permesso provvisorio di guida.

 


Unione Europea 

19.03.2020 Presidenza UE – COVID-19: EU Member States join forces to keep priority traffic moving – Comunicato stampa
16.03.2020 Commissione Europea – Guidelines for border management measures to protect health and ensure the availability of goods and essential services

 


Misure di restrizione alla circolazione 

 

ITALIA

Aggiornamento del 17 marzo 2020

Nuovo DM: tutte le persone fisiche in entrata in Italia, tramite trasporto aereo, ferroviario, marittimo e stradale, anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicare immediatamente il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, e sono sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni.
Sono esentati esclusivamente coloro che entrano in Italia per comprovate esigenze lavorative, previa presentazione di una dichiarazione nella quale attestino di entrare esclusivamente per la predetta esigenza lavorativa, e per un tempo non superiore alle 72 ore, salvo motivata proroga per specifiche esigenze di ulteriori 48 ore. Con la medesima dichiarazione è assunto l’obbligo, in caso di insorgenza di sintomi COVID-19, di segnalare tale situazione con tempestività alle autorità competenti.
La norma non si applica al personale viaggiante appartenente ad imprese con sede legale in Italia.

 

ITALY

Updated on March, 17th 2020

A decree issued by the Italian Government obliges self-isolation, for 14 days after the return, for people returning to Italy, even if asymptomatic compared to COVID-19. It concerns all people who return to Italy by any means of transport. Self-isolation is not required for those who transit or stop in Italy for proven work needs (e.g. truck drivers), and are still obliged to leave the country within 72 hours of entry, extendable of an additional 48 hours for proven specific needs. However, for these people, it is mandatory to fill out a declaration stating entry in Italy for the proven working need, and with engagement to immediately report, in the event of the onset of COVID-19 symptoms, the situation to the Department of prevention of local health company and to undergo isolation.
These measures do not apply to traveling personnel of companies having registered offices in Italy

 

Notizie in italiano

Restrizioni UE ed extraUE alla circolazione veicoli merci per emergenza Coronavirus   fonte Confetra aggiornamento del 08.04.2020

Quadro generale delle limitazioni per il trasporto ferroviario in Europa

  fonte Confetra aggiornamento del 27.03.2020
Restrizioni UE alla libera circolazione delle merci   fonte Uniontrasporti aggiornamento del 06.04.2020

 

English news

Coronavirus response: Transport measures source EU DG Move constantly updated
Flash info source IRU constantly updated
Truck Border Crossing Times source sixfold constantly updated
FIATA website – CoVID-19 section source FIATA constantly updated

 

Ultimi aggiornamenti (09.04.2020)

Di seguito gli aggiornamenti sulle limitazioni al 9 aprile.

L’IRU ha provveduto a riassumere le decisioni di alcuni Paesi europei relative alla sospensione dei divieti di circolazione per i mezzi pesanti durante le prossime festività:

– Austria – confermata la sospensione fino al 19 aprile (i divieti di guida settoriali attualmente in vigore nel Tirolo rimangono validi);

– Francia: le restrizioni sono revocate fino al 20 aprile (ulteriori informazioni sui divieti applicabili sono disponibili qui);

– Germania – le sospensioni decise negli Stati federali sono disponibili qui.

– Grecia – sospesi i divieti di circolazione dal 16 aprile al 21 aprile (Pasqua ortodossa). La sospensione si applicherà anche dal 30 aprile al 3 maggio (fine settimana della festa del lavoro).

– Portogallo – Durante il periodo pasquale, i conducenti professionisti devono avere una dichiarazione firmata dal loro datore di lavoro che attesti che il conducente sta effettuando un’operazione di trasporto. L’obbligo di trasportare tale documento vale fino al 13 aprile.

– Repubblica Ceca – le restrizioni sono state revocate;

– Romania – fino al 16 aprile sono state revocate le restrizioni alla guida per i veicoli più pesanti di 7,5 tonnellate sulla tratta Ploiesti-Brasov della strada nazionale DN1 (E60). .

– Spagna – Le seguenti restrizioni sono sospese per l’intera durata dello stato di emergenza: divieti di circolazione settimanali per veicoli di peso superiore a 7,5 tonnellate; divieti di fine settimana e festivi per veicoli ADR; divieti settimanali, festivi e di fine settimana per trasporti anomali; tutti i divieti di circolazione per i veicoli di trasporto in Catalogna e nei Paesi Baschi.

– Slovacchia –  la polizia slovacca ha revocato le restrizioni alla guida per i veicoli commerciali più pesanti di 3,5 tonnellate il 10, 12 e 13 aprile (sabato 11 non erano previste).

 

– AZERBAIJAN: i conducenti stranieri di veicoli merci possono entrare e transitare senza limitazioni. È invece in corso il trasporto marittimo (compresi i camion e il trasbordo di container) con alcune restrizioni con i paesi vicini (Turkmenistan e Kazakistan).

Solo i conducenti di merci turkmeni possono utilizzare le navi del Turkmenistan che si dirigono verso il loro paese. Inoltre, solo i rimorchi e i semirimorchi potranno essere caricati sulle navi turkmene.

Tutti i conducenti sono obbligati a visita medica nel porto di Baku, nella zona di garanzia prima del carico. Solo i conducenti con certificati di risultato del test negativo possono entrare in Turkmenistan e Kazakistan. I risultati del test sono resi disponibili entro 6-8 ore.

Al porto di Baku, i camionisti aspettano la nave in zone pulite dedicate e viene fornito cibo.

Tutti i valichi di frontiera (con Iran, Russia, Georgia e Turchia) sono aperti al trasporto su strada (solo per merci).

I veicoli merci accompagnati (scorta di polizia) dall’Iran e dal porto di Alat, diretti in direzione della Georgia, possono attraversare i confini dell’Azerbaigian.

Ai conducenti internazionali sono previsti cibo e aree di sosta gratuiti.

 

– BELGIO: è stato prorogato fino al 26 aprile l’allentamento temporaneo delle regole sui tempi di guida e di riposo per i conducenti di trasporti nazionali e internazionali per quanto riguarda la sospensione del divieto per i conducenti di trascorrere il normale periodo di riposo settimanale nella cabina del veicolo.

Per chi effettua trasporto di beni essenziali l’allentamento si applica fino al 30 aprile sia per i trasporti nazionali che internazionali e riguarderà le seguenti regole:

– sostituzione del limite massimo di guida settimanale da 56 ore a 60 ore;

– sostituzione del limite massimo di guida quindicinale da 90 ore a 96 ore;

– rinvio di un periodo di riposo settimanale oltre i sei periodi di 24 ore;

– riduzione del periodo di riposo settimanale regolare da 45 a 24 ore senza alcuna compensazione.

 

– BIELORUSSIA: un nuovo regolamento prevede che dal 10 aprile i requisiti di autoisolamento siano applicabili anche ai conducenti dopo il completamento del trasporto internazionale di merci su strada nel territorio della Bielorussia. Ciò include anche i conducenti che sono stati sostituiti, nel corso dell’operazione di trasporto in transito, e che arrivano da paesi in cui è stato registrato COVID-19. Ciò vale fino alla successiva operazione di trasporto su strada o entro 14 giorni di calendario.

Il regolamento prevede inoltre che i conducenti che effettuano operazioni di trasporto internazionale su strada nel territorio della Bielorussia, debbano disporre di dispositivi di protezione individuale (maschere mediche, guanti) a bordo e utilizzarli quando escono dalla cabina.

La Bielorussia ha anche aggiunto all’elenco alcune altre posizioni in cui i conducenti in transito possono fermarsi e parcheggiare per riposarsi e pranzare o rifornire di carburante i veicoli. Questa è la mappa aggiornata.

 

– FRANCIA: il Ministero dell’Interno ha pubblicato un certificato aggiuntivo con tre varianti (da utilizzare in base al tipo di viaggio) che deve essere utilizzato dagli autisti per giustificare i loro movimenti internazionali. Le tre varianti del certificato riguardano i casi di viaggio dalla Francia continentale ai territori francesi d’oltremare, viaggio dall’estero verso la Francia continentale e viaggio dall’estero verso il territorio francese d’oltremare, e sono reperibili a questa pagina.

L’IRU raccomanda alle imprese di fornire ai conducenti uno dei certificati di cui sopra, oltre al documento scritto che giustifica qualsiasi movimento (“attestation de déplacement”) e il certificato per i professionisti (“Justificatif de déplacement professionnel”) . I moduli possono essere scaricati sia in francese che in inglese facendo clic sul collegamento ipertestuale sopra. I moduli debitamente compilati devono essere consegnati al conducente prima dell’inizio delle operazioni; l’autista deve presentarli alla frontiera. I controlli sui certificati sono iniziati l’8 aprile alle 00:00.

 

– LITUANIA: Il numero di valichi di frontiera accessibili per l’ingresso in Lituania è stato ridotto a quanto segue:Kalvarijos – Budzisko, Saločių – Grenstalės, Būtingės – Rucavos, Smėlynės – Medumės, Medininkų – Kamenyj Logo, Raigardo – Privalkos, Kybartų – Černyševskojės, Panemunės – Sovetskoinkšė –Kotlovka, Vilnius, Kaunas, Palanga, aeroporti internazionali di Šiauliai, stazione ferroviaria di Vilnius e valichi di frontiera ferroviaria di Stasylai e porto marittimo di Klaipeda.

Sono consentiti vettori stranieri con veicoli merci in transito attraverso la Lituania. Tuttavia, l’equipaggio o i membri dell’equipaggio che effettuano trasporti commerciali internazionali su qualsiasi tipo di veicolo devono viaggiare attraverso il territorio della Repubblica di Lituania senza fermarsi inutilmente.

Per l’equipaggio o i membri dell’equipaggio che lavorano per compagnie lituane impegnate nel trasporto internazionale o che effettuano trasporti internazionali su qualsiasi tipo di veicolo, l’isolamento è obbligatorio dal giorno di arrivo nella Repubblica di Lituania fino al giorno di partenza dal suo territorio , ma non superiore a 14 giorni. Il National Health Center del Ministero della Salute organizza lo screening ai valichi di frontiera per i sintomi di COVID-19 al ritorno o all’arrivo dall’estero.

Se al confine venissero rilevati sintomi di Coronavirus, l’equipaggio o i membri dell’equipaggio impegnati nel trasporto internazionale non saranno autorizzati ad entrare nel paese a meno che non sono cittadini o residenti legali della Lituania.

 

– REGNO UNITO: in caso di malessere dei conducenti stranieri con i sintomi del Coronavirus, le autorità nazionali raccomandano quanto segue:

  1. Se sono necessarie cure di emergenza / cliniche, è necessario chiamare un’ambulanza;
  2. Devono essere seguite le linee guida ufficiali, cioè l’autoisolamento immediato; è responsabilità dell’impresa di trasporto salvaguardare il benessere dei dipendenti e quindi collocarli in alloggi individuali adeguati;
  3. I cittadini stranieri possono anche rivolgersi alla propria ambasciata per assistenza;

4. In circostanze eccezionali, a seconda della capacità, potrebbe essere possibile organizzare un alloggio presso il London Isolation Centre.